BIBITE GASSATE: PERCHE’ DARLE AI NOSTRI FIGLI???

Le Bevande gassate fanno parte da anni della nostra alimentazione. Il consumo di bibite negli ultimi 12 anni è passato da 2820 milioni di litri ai 3400 milioni di oggi in Italia. La pubblicità naturalmente incide moltissimo sulle scelte e gli acquisti dei cittadini, gli scaffali dei supermercati sono pieni di bibite gassate di ogni gusto e colore. Ma è indifferente bere una di queste bibite dolci, colorate e accattivanti rispetto alla scialba e incolore acqua? Queste bevande sono ricche di “calorie vuote”, prive di nutrienti ma che spesso hanno la funzione di ridurre l’appetito determinando un’alimentazione carente durante i pasti. Si bevono per dissetarsi, ma essendo ricche di zuccheri in poco tempo l’organismo avrà di nuovo la necessità di idratarsi e quindi di bere di nuovo magari la stessa bibita (si ha una sorta di dipendenza). Inoltre la grande quantità di zucchero stimola il pancreas a secernere insulina che trasformerà gli zuccheri in grasso con il risultato di aumentare il peso corporeo. Una lattina di queste bibite in media contiene circa 10 cucchiaini di zucchero, quindi circa 200 calorie, oltre che altre sostanze come caffeina, coloranti artificiali, solfiti, anidride carbonica e fruttosio. Il fruttosio è uno zucchero che deve essere metabolizzato dal fegato e può fare sviluppare in chi abusa nel suo consumo, problemi epatici simili a quelli degli alcolisti. La caffeina è eccitante e non dovrebbe essere somministrata ai bambini. L’acido fosforico si lega al calcio, al magnesio e allo zinco nell’intestino diminuendone il loro assorbimento provocando decalcificazione ossea, ingiallimento e perdita dello smalto dei denti. Inoltre essendo queste bibite molto acide (per esempio il pH della coca cola è 2,4 compreso tra quello gastrico e quello dell’aceto) possono causare infiammazione dello stomaco e del rivestimento intestinale oltre che un’erosione del rivestimento gastrico. Le bevande light oltre a portare questi problemi, contengono come dolcificante l’aspartame, una sostanza chimica ritenuta una potente neurotossina e distruttore endocrino. Quindi l’abuso di bevande light può provocare tumori cerebrali, ai polmoni, al fegato, può portare a malattie come diabete, infarto epilessia e ictus. In ambienti caldi l’aspartame tende anche a trasformarsi in metanolo che a sua volta si converte in formaldeide e acido formico, due potenti cancerogeni. E pensare che l’utilizzo di bevande light è in crescita nei giovani in America proprio per il basso apporto calorico… Sapendo tutto questo continuereste a dare bibite gassate ai vostri figli o a consumarle voi stessi? L’acqua è un nutriente essenziale, non energetico e quindi non fa ingrassare, può essere consumata in qualsiasi momento della giornata, inoltre può contribuire all’apporto giornaliero di minerali a seconda della composizione chimica di ciascun tipo di acqua. L’acqua è un functional food, ottimo per permettere al nostro organismo di svolgere tutte le sue attività al meglio, non sostituiamolo con bevande ipercaloriche, ricche di zuccheri, coloranti e acidi cioè con un cibo spazzatura!

Dott.ssa Annachiara Stocco
Biologo Nutrizionista
Specialista in Biochimca Clinica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...